Brain fog e menopausa

Pubblicato il 29/03/2020

Dove ho messo le chiavi? Oppure gli occhiali, il cellulare .....cosa stavo facendo dieci minuti fa prima che il telefono squillasse? Avrò o non avrò spento la fiamma sotto il minestrone prima di uscire? A tutti capita di dimenticare qualcosa, ma per le donne  c’e una fase della vita in cui queste distrazioni sono più frequenti, accompagnate dalla sensazione di non riuscire a far fronte ai propri impegni, perché sempre stanche, frastornate, confuse. Per descrivere questi sintomi gli esperti hanno creato un termine, brain fog,  “nebbia nel cervello”: una condizione reale, provocata soprattutto dalla riduzione di estrogeni che accompagna questa fase della vita. Gli ormoni hanno un’effetto protettivo sul sistema nervoso neuronale e regolano il metabolismo del cervello, per questo all’inizio della menopausa si hanno deficit cognitivi, un periodo di confusione, non troppo diverso da quello che vivono gli uomini durante l’andropausa. Fortunatamente i sintomi si manifestano soprattutto nella fase di transizione.

E’ un momento di cambiamento radicale, ma non tanto diverso dall’adolescenza, ma  gli stili vita possono mitigare i disagi........ecco le regole:

Fitness -  Serve un’atti aerobica praticata regolarmente almeno tre volte a settimana. Vanno bene camminate jogging, ma anche attività di gruppo come il  ballo

Sonno  -  indispensabile dormire almeno 6/7 ore, una buona notte di sonno è fondamentale, perché è la fase in cui il cervello si libera dalle scorie

Alimentazione. -  la dieta mediterranea per eccellenza  ci preserva dagli stati infiammatori che si possono innescare nel nostro organismo.

Studio. -  è molto utile tenere allenato il cervello  imparando cose nuove evitando di ricadere nella routine e arricchendo la vita con  stimoli

Amicizie. -  fondamentale avere amici  su cui contare con cui conversare e fare cose insieme : alcuni studi affermano che le persone che vivono da sole hanno un carico infiammatorio superiore.